venerdì 7 luglio 2017

VdL - Nel bosco di Aus, Chiara Palazzolo

"Tremate che le streghe son tornate
Ammaliando per essere adorate
Sogno proibito di un desiderio
Baciami re ti svelerò il segreto"

Questa è la rima che mi è ronzata in testa durante tutta la lettura del romanzo che vi presento oggi "Nel bosco di Aus" di Chiara Palazzolo. Infatti di streghe si parla in questa strana storia che si svolge ai nostri giorni in una località indefinita della Calabria (questo non viene mai detto chiaramente ma ci si arriva da vari accenni durante la lettura).
Carla è una tranquilla madre di tre figli, moglie di Giovanni e professoressa d'inglese alla scuola media del paese. Un bel giorno Giovanni si mette in testa che devono cambiare casa, lasciare il centro cittadino e trasferirsi in campagna; così, con moglie e figli poco convinti, acquista la casa azzurra, una delle case costruite e possedute dalla ricca ed influente famiglia Satriani all'interno del bosco di Aus. Fin dal trasloco Carla comincia a sentirsi strana ed anche i suoi figli cominciano a cambiare comportamento: Andrea rincasa tardi manifestando chiari i segni di alcol e droghe, Nikka diventa chiusa, scontrosa e si tinge i capelli biondi di nero e rosa, il piccolo Albertino invece comincia a raccontare alla mamma di un'orrenda vecchia che si aggira nei dintorni della casa. Stranamente Carla non da molto peso a tutto ciò e, specialmente dopo la morte della sua migliore amica Rita in un ambiguo incidente d'auto, trascura casa e famiglia per andare a trovare la sua nuova vicina ed amica Amanda Satriani. Ma un incubo, sempre lo stesso, popola le notti di Carla, un incubo in cui Rita la mette in guardia da un grave pericolo ed in cui Carla corre, corre a perdifiato nel bosco di Aus per impedire qualcosa o salvare qualcuno, sapendo però che è troppo tardi.
Piano piano Carla entra nella cerchia d'amicizie di Amanda, in cui si giocano tesissime partite a burraco ed in cui lei si sente sempre più in primo piano, potente e temuta; a scuola ottiene un ruolo di prestigio, in società è sempre più al centro dell'attenzione, anche il misterioso Matteo (che ha acquistato un'altra casa Satriani) diviene il suo amante. Ma la sua famiglia è sempre più lontana, sempre meno importante, e Carla si sente sempre più offuscata, confusa, come se non fosse sempre se stessa. Strani avvenimenti rimangono senza spiegazione. Fino alla prima rivelazione grande rivelazione di Amanda: Carla è una strega, per parte di nonna paterna, una strega potenzialmente potente che però ha ancora tutto da imparare.
Ma c'è altro che bolle nel calderone, e Carla lo scoprirà a sue spese in una sfida finale in cui dovrà giocare la vita sua e dei suoi figli affrontando la più potente strega che sia mai passata da quelle parti. Chi perde, perde tutto...

Non è facile dare un'opinione di questo libro. Non posso dire che non mi sia piaciuto, ma nemmeno che mi abbia conquistata. Certamente, ma è un gusto personale, non ho amato molto il modo di scrivere dell'autrice, troppo poco scorrevole e vagamente contorto. Affascinante, nonostante tutto.
Per quanto riguarda la vicenda in se per se, beh ... troppe streghe, alla fine non si capisce più chi sta con chi. Il duello finale è narrato in modo troppo aulico e visionario, non si riesce a visualizzare la scena, altalenante fra una fantomatica partita a carte ed un duello di magia. E qualche personaggio simpatico, mamma mia, non ce n'è uno che si salvi a partire da Carla stessa. In definitiva poteva essere una gran bel libro, ma gli è un po' mancato lo spunto finale.



trovate QUI gli altri suggerimenti di oggi