venerdì 26 maggio 2017

VdL - La foresta dei girasoli, Torey L. Hayden

Il libro di cui parlo oggi non è stato affatto semplice da portare a termine; e non perché sia brutto o scritto male, anzi, ma perché la storia è molto difficile ed il personaggio principale non suscita subito la simpatia del lettore. 
Mara è la mamma di Lesley, diciassette anni, e Megan, nove anni; bellissima e affascinante non è però una mamma come le altre, qualcosa in lei sembra spezzato o fuori posto e non è solo perché veste in modo informe indossando vestiti da uomo o perché ha la fissazione del non sprecare il cibo, ma è anche soprattutto per i suoi sempre più frequenti periodi di depressione.
Mara è di origine ungherese, famiglia di elevata posizione sociale, poi decaduta a causa del declino dell'Impero Austro-Ungarico. C'è un buco temporale nella vita di Mara: allo scoppiare della seconda guerra mondiale è stata mandata a Dresda da una zia. Cos'è successo lì? Anche Cowan, suo marito, la conobbe al termine del conflitto, in ospedale, ridotta ad una larva umana, con i bellissimi capelli rasati e sfibrata dal tifo. Cosa l'aveva ridotta così, solo la fame causata dalla guerra?
La vita per Mara è poi proseguita, il matrimonio, il trasferimento prima in Galles e poi negli Stati Uniti nel 1957, la maternità. Ma nemmeno l'amore del marito e delle figlie riesce a cancellare quello che lei nasconde, di cui non parla, perché lei "non dimentica mai" com'è solita dire. La sua è un'anima spezzata ... c'è speranza e salvezza per un'anima spezzata? Questo interrogativo percorre tutto il romanzo, fino alla scoperta dell'atroce segreto di Mara, quelle cose che solo la guerra può permettere che accadano. 
Non è un libro facile, ma, per vari motivi, mi ha toccato molto. La tristezza è il filo conduttore: la tristezza di Mara per quello che ha passato, la tristezza di Lesley che vorrebbe essere una normale adolescente ma che risente moltissimo della depressione della madre, la tristezza di Cowan teneramente innamorato della moglie ma conscio di non essere in grado di salvarla dal baratro in cui sta cadendo.
Nella tristezza capire è l'imperativo e, com'è normale, sono i giovani che devono capire, quindi è Lesley che deve dare a tutti i costi una risposta al comportamento della mamma.
Bisogna essere in vena e preparati al tipo di lettura, ma io lo suggerisco perché fa pensare a quanto sia difficile convivere con i propri fantasmi. Mai giudicare chi non ce la fa.



tutti i suggerimenti di oggi sono su Homemademamma tutti i venerdì

4 commenti:

  1. Interessante. Per chi insomma sia in un momento in cui sia sereno (rimando ad oltranza quindi) 😉

    RispondiElimina
  2. Ciao Manu, piacere di conoscerti, sono passata da te perché sarai ospite del km 0 e volevo sbirciare il tuo blog. Questo libro mi intriga molto, non importa che sia triste o difficile, importa cosa racconta e questo mi sembra proprio che valga la pena di essere letto. Mi metto fra i tuoi lettori, se ti va seguimi anche tu, così non ti perderò di vista e avrò modo di continuare a leggerti. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per essere passata a darmi un occhiata. Sono molto contenta di essere vostra ospite in questo mese, spero di contribuire con qualcosa di buono. Certamente passerò dal tuo blog e diventerò tua follower!

      Elimina
    2. Ho comprato il libro, appena avrò letto, ti farò sapere :)

      Elimina