mercoledì 23 maggio 2012

23 Maggio 1992

"Per la bandiera - Stadio"

Vent'anni fa avevo 18 anni. Avevo grandi ideali e credevo ancora che si potesse migliorare il mondo. I giovani come me avevano anche grandi esempi; fra questi c'erano Giovanni Falcone a Paolo Borsellino.
La mafia aveva fatto molto paura, ma con loro, noi ragazzi giovani fiduciosi ed ingenui, eravamo convinti di riuscire a fare qualcosa per cambiare il nostro Paese. Non sono parole vuote: ci credevamo davvero.
E quella mattina il mio grido riecheggiò nella casa allarmando mia madre e facendola accorrere. "L'hanno ammazzato. No.No.No!"
Quel giorno, l'ho capito dopo, è morto un pezzettino, il primo, della mia anima idealista. Altri l'avrebbero seguito.
Oggi, dopo vent'anni, posso solo pensare che abbiamo perso una grande opportunità.
E comunque grazie a tutti coloro che sono morti per aver cercato la giustizia e la verità. L'hanno fatto per noi.

"Fino a quando, Signore, continuerai a dimenticarmi?
Fino a quando mi nasconderai il tuo volto?
Fino a quando nell’anima mia addenserò pensieri,
tristezza nel mio cuore tutto il giorno?
Fino a quando su di me prevarrà il mio nemico?
Guarda, rispondimi, Signore, mio Dio,
conserva la luce ai miei occhi,
perché non mi sorprenda il sonno della morte,
perché il mio nemico non dica: «L’ho vinto!»
e non esultino i miei avversari se io vacillo.
Ma io nella tua fedeltà ho confidato;
esulterà il mio cuore nella tua salvezza,
canterò al Signore, che mi ha beneficato."


dal Libro dei Salmi - Salmo 13 - letto il giorno del funerale di Giovanni Falcone, della moglie e degli agenti della scorta

3 commenti:

  1. Sante parole! ma..ma.. cioè.. 18 fa giusti-giusti? cioè.. vuoi dire che oggi è il tuo compleanno cara? Se è così....AUGURONI amica mia!!!!

    RispondiElimina
  2. No cara,non è il mio compleanno. Avevo 18 anni e dovevo compierne 19 ad agosto

    RispondiElimina
  3. ahhhhh... scusa ma sto collare mi rimbambisce ancora di più di quanto non lo sia già :-)

    RispondiElimina