venerdì 4 novembre 2016

Vdl - Il cappello di Mr. Briggs, Kate Colquhoun

Salve a tutte/e, ritorno dopo un altro lungo periodo d'assenza. Purtroppo non è stata un'estate facile, la mia tiroide ha deciso di comiciare a fare i capricci e ci ho messo un po' ad accorgermene. Ancora non sto tanto bene e non ho nemmeno una diagnosi certa, comunque in qualche modo supereremo anche questa. Nel frattempo continuo con le mie letture anche se un po' a rilento.
Il romanzo di cui voglio parlarvi oggi è "Il cappello di Mr. Briggs ovvero il mistero della carrozza 69" di Kate Colquhoun. Si tratta di una storia vera, un fatto di cronaca avvenuto nella Londra del 1864: il bancario Mr. Thomas Briggs prende il treno per rientrare a casa in una calda sera di luglio, sale sulla carrozza 69 e, a suo modo, entra nella storia. Alcuni minuti e poche fermate dopo lo scompartimento viene trovato vuoto e lordo di sangue; ore dopo l'ormai morente Mr. Briggs viene rinvenuto esanime sui binari del treno. Cos'è successo all'interno della carrozza 69?
Il romanzo è un fedele report delle indagini di Scotland Yard che, spinta dalle forti pressioni della nascente industria ferroviaria, del Governo e della popolazione atterrita, scatena un'imponente caccia all'uomo.
Gli indizi sono pochi, primo fra essi un cappello a cilindro ritrovato nella carrozza 69 ... il cappello di Mr. Briggs o quello del suo assassino?
Di fatto su quel cappello si fonderà tutta l'accusa: un cappello scambiato, insanguinato, schiacciato e rivenduto; su quello e su una catena da orologio che ha seguito circa le stesse vicissitudini. In base ad essi ed ai loro passaggi di proprietà si individua il colpevole in un povero sartino tedesco (la Germania, non era molto amata all'epoca in Gran Bretagna) che viene riacciuffato al di là dell'oceano e ricondotto in Patria per essere giudicato. Un processo viziato da preconcetti, inattendibili testimonianze ed una giurisprudenza che di fatto impediva la difesa. Il carpo espiatorio, chiesto a gran voce dalla nazione, è stato trovato e giustizia è stata fatta ..... davvero?!? Di fatto si tratta di uno dei primi delitti irrisolti documentati nella storia, non sapremo mai chi davvero si accanì con ferocia quel 9 luglio 1864 sul povero Mr. Briggs all'interno della carrozza 69.
Per chi ama il dettagliato collocamento storico delle vicende, questo è certamente un romanzo molto interessante. Non tanto magari per la storia in se, ma sicuramente per lo spaccato che apre sull'Inghilterra di quel periodo. Una società severamente suddivisa in classi, un pensiero scientifico ancora decisamente agli albori, una paura atavica per il nuovo, nuovo che all'epoca era rappresentato dai viaggi in treno.
Veramente una lettura valida, ben strutturata e dettagliata (a volte pure troppo), forse non scorrevole ma vale la pena fare lo sforzo.
Se vi piace conoscere in modo più approfondito il passato, allora leggete questo libro e non sarete delusi,



QUI i libri di oggi

4 commenti:

  1. Bentornata.... 👍 Era ora ...

    RispondiElimina
  2. Oh, eccoti! Allora sei riuscita a tornare prima di quanto pensassi :) mi fa piacere davvero Manu e ti auguro di proseguire al meglio il percorso di cura, per ristabilirti pienamente!
    Il libro di cui parli mi lascia un pò titubante...mi attira la storia del giallo irrisolto, ma temo che possa essere un pò pesante...intanto me lo segno, c'è sempre spazio nella mia wishlist ;) e potrà arrivare il suo momento poi.
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  3. Bentornata! MI spiace molto per il tuo problema di salute, però stai tranquilla: gli squilibri della tiroide si possono curare, anche se ci vuole tempo per trovare il giusto dosaggio di medicine ecc. Mia madre e e due mie amiche hanno affrontato anni fa l'operazione ma dopo qualche mese si sono stabilizzate e ora stanno benissimo. Vedrai che ne verrai a capo presto! Quanto al libro, io apprezzo i gialli ma intervallati da altri generi e prediligo i delitti poco efferati ma curiosi o con una strana ambientazione, quindi quello che suggerisci mi ispira molto!

    RispondiElimina