Montanari Family

Montanari Family
Robby, Manu, Tata, Pissi, Pepe, Oscar, Giorgio

venerdì 4 giugno 2021

VdL - Ninfa dormiente, Ilaria Tuti

 Dopo il dovuto tempo dall'uscita del libro, ho affrontato "Ninfa dormiente", il secondo lavoro di Ilaria Tuti, giovane scrittrice friulana che proprio nella sua terra ama ambientare le storie che racconta.

Finalmente (devo dire finalmente) ho ritrovato uno dei personaggi più belli che abbia incontrato nella narrativa italiana, Teresa Battaglia. In questo romanzo Teresa è ancora commissario di polizia nonostante l'avanzare della malattia che l'affligge e che tiene nascosta ai colleghi; Teresa infatti, donna non più giovane, nel primo romanzo ha ricevuto una diagnosi tremenda: Alzheimer. Proprio a lei che fa della sua mente acuta ed intuitiva il principale strumento di lavoro! Così Teresa lotta ogni giorno contro i ricordi che spariscono e lo fa scrivendo assiduamente un diario su cui segna il risultato delle indagini, i piccoli grandi accadimenti di tutti i giorni e le sue riflessioni personali.

All'inizio di Ninfa dormiente la malattia di Teresa sta avanzando: spesso non ricorda gli avvenimenti più recenti ed il diario è la sua ancora di salvezza in un mare di ricordi che diventano sempre più confusi.

Ma vediamo la trama:

Il giovane Raffaello Andrian trova un quadro in soffitta, un quadro che è sicuramente dello zio Alessio Andrian; decide di farlo valutare pensando magari di venderlo, ma durante la valutazione emerge un fatto scioccante che provoca il coinvolgimento di Teresa Battaglia e della sua squadra ... il quadro è autentico, risalente all'Aprile del 1945, ed è stato dipinto col sangue. Il quadro ritrae una giovane donna addormentata di una bellezza ultraterrena, appunto una Ninfa Dormiente. Le situazione storico-psicologica in cui quel quadro ha visto la luce affonda le radici quasi nella leggenda; tutto ciò che si sa è che Andrian lo dipinse il 20 Aprile del 1945, mentre era sulle montagne come partigiano e che giorni dopo venne ritrovato in territorio sloveno, ricoperto di sangue non suo, delirante per la febbre e con il quadro stretto fra le mani. Da lui non si seppe mai nulla dell'accaduto perché da quel giorno si rifiutò di parlare e camminare riducendosi, fino ai giorni dell'indagine, ad un corpo inutile sostenuto però da una mente indomita e votata ad uno scopo ignoto a tutti. Si tratta di un "cold case" insomma e Teresa viene incaricata di scoprire cosa accadde quella notte di tanti decenni prima. Le indagini la porteranno in Val Resia, una valle unica a causa della particolarità genetica dei suoi abitanti. Sarà un viaggio in un passato che si protende oscuro sul presente; un viaggio attraverso se stessa, la propria malattia ed i suoi progetti per il futuro della squadra; un viaggio che affronterà insieme a Massimo Marini, il figlio mai avuto, che pure nasconde un segreto enorme. Entrambi dovranno imparare a trovarsi e così ritrovare se stessi, fidandosi e affidandosi l'uno all'altra, perdonandosi per gli errori del passato e da lì ricominciare ad affrontare il futuro. 

Come prima cosa vi dico cosa non mi ha convinto fino in fondo: il movente del delitto. La storia del culto del femminino sacro che impera nella valle l'ho sinceramente trovata un po' forzata e poco supportata poi dalla storia... Direi piuttosto che il culto della Dea è una scusa utilizzata da una mente nata malvagia per giustificare il suo gusto per il dominio, la violenza e la cattiveria. Questo è il mio punto di vista.

Tutto il resto è bellissimo. La storia di Alessio Andrian è bellissima, commovente e romantica. Le storie personali di Teresa e di Marini, che qui finalmente si svelano, sono profonde e sconvolgenti. L'autrice è bravissima a descrivere la psicologia dei personaggi, il loro mutare nel corso degli eventi, crescendo, cambiando, nel tentativo di trovare finalmente pace. Massimo la troverà nella paternità; Teresa alla fine non si sa bene; sappiamo che sta creando una squadra forte che sarà in grado di andare avanti da sola quando lei dovrà fermarsi e sappiamo che sentimentalmente troverà una sorta di famiglia in Marini. Il romanzo finisce 7 mesi dopo l'epilogo finale delle indagini e non ci viene detto chiaramente come sta Teresa, ma parrebbe ancora in grado di discernere. Quindi la domanda è: ci sarà altro? Parrebbe di sì visto che ho sentito vociferare di un terzo romanzo con la Battaglia come protagonista. 

Insomma mi pare ovvio che io ve lo consiglio tantissimo, anzi avrei piacere di confrontarmi con altri lettori sulla faccenda del femminino sacro! Quindi commentate se l'avete letto, per favore!!



GIUDIZIO PERSONALE: ❀❀❀❀

Altri suggerimenti di lettura li potete trovare sul blog Homemademamma ideatrice del Venerdì del Libro.

venerdì 28 maggio 2021

VdL - Il filo che brucia, Jeffery Deaver

Nona indagine di Lincoln Rhyme ed Amelia Sachs. 

Stavolta i nostri sono al lavoro su due fronti: a Città del Messico è ricomparsa una vecchia conoscenza di Rhyme, L'Orologiaio l'unico criminale che non sia riuscito a catturare. Contemporaneamente a New York qualcuno comincia ad uccidere a caso utilizzando la corrente elettrica ad alta tensione. Le indagini portano velocemente ad identificare l'attentatore, che sembra mosso da motivi personali di risentimento nei confronti della società che gestisce la distribuzione della corrente, la Algonquin. 

Ma si sa che le indagini di Rhyme e Sachs sembra che portino in una direzione, ma poi riservano sempre eccitanti sorprese. Stavolta però Amelia è sinceramente spaventata dal modus operandi del killer che "frigge" le proprie vittime ignare come se fossero sulla sedia elettrica ... La corrente è subdola, c'è ma non la vedi, quindi devi sempre stare con la guardia alzata, proteggerti e pensare ad ogni possibile fonte di pericolo.

Da parte sua Lincoln non è in gran forma: la sua condizione di tetraplegico influisce fortemente sul funzionamento di alcune parti del suo corpo che reagiscono in maniera incontrollata a stimoli fuorvianti. Avrà un attacco di quelli tosti e ciò lo porterà a prendere una decisione pesantissima sul proprio futuro di uomo, di scienziato e di compagno di Amelia.

Molto bello anche questo romanzo, Lincoln Rhyme difficilmente tradisce le aspettative. Il ritmo non è sempre incalzante, a volte c'è qualche caduta d'attenzione, ma la perfezione non è per l'essere umano quindi nemmeno per gli scrittori. Finale spiazzante. Ho cambiato idea sull'assassino almeno tre volte ed alla fine non ci ho preso! Forse spiegazione dei moventi un po' stiracchiata al fine letterario, ma, di nuovo, pazienza: tanto lo sappiamo che Rhyme, nonostante le sue condizioni, è un superman della scientifica!

Consigliato agli amanti della serie.



Trovate molti altri suggerimenti di lettura sul blog Homemademamma.

venerdì 21 maggio 2021

VdL - Hunger Games, La ballata dell'usignolo e del serpente, Suzanne Collins

Non ricordo se ne ho scritto in passato, in realtà credo di no, ma una decina di anni fa mi sono appassionata alla saga di Hunger Games (che lessi tutto d'un fiato) e ne sono rimasta affascinata.
In seguito ho trasmesso la passione alle mie figlie, abbiamo comprato i DVD e, insomma, tutto il resto è storia: sappiamo tutto di Katniss, Peeta e del crudelissimo presidente Snow.
Per questo motivo, quando l'anno scorso è uscito questo nuovo romanzo, ero molto curiosa di sapere di cosa avrebbe trattato; e devo dire che, una volta vista la trama, mi sono approcciata alla lettura un po' titubante: il protagonista infatti è proprio lui, il cattivone!

Siamo a Capitol City alla vigilia dei decimi Hunger Games, quindi 64 anni prima dei fatti narrati nella Trilogia. Coriolanus Snow è un giovane diciottenne, allievo dell'Accademia di Capitol City. Pur appartenendo ad una nobile casata, Snow, come gli altri superstiti della sua famiglia, è povero in canna. La guerra ha picchiato duro sulla capitale di Panem e sugli Snow, privando il giovane Coriolanus di entrambi i genitori e di tutte le ricchezze. Quello che rimane loro è solo lo stile, l'educazione aristocratica ed il lignaggio, infatti il motto di famiglia è che "gli Snow si posano sopra, come la neve"!
Per questo motivo Coriolanus è orgogliosissimo di essere stato scelto, insieme ad altri studenti dell'Accademia, come mentore per la nuova edizione dei Giochi. Spera anche di fare un'ottima figura e di vincere una borsa di studio per l'università, visto che non può permettersi le spese per il proseguimento degli studi. Il sorteggio gli regala però una delusione, infatti a lui tocca il tributo femmina del Distretto 12. Ma già alla cerimonia della  Mietitura il suo tributo, Lucy Gray, gli farà capire che forse la sorte non è stata così avara con lui; certo Lucy Gray è una ragazza (quindi, sulla carta, più debole), ma dimostra di avere una caratteristica che può risultare vincente: sa come affascinare il prossimo. Scopriremo poi che Lucy Gray ed i suoi parenti vivono nel Distretto 12, ma non vi appartengono, sono infatti artisti girovaghi e cantano per sopravvivere.
Una volta arrivata a Capitol City, la bella voce della ragazza contribuisce a farla amare dal pubblico, complice l'intuito di Coriolanus che fa di tutto per sfruttare le sue doti. Mentre i Giochi cominciano, con il loro tributo di morte, il giovane Snow sente crescere dentro di se dei sentimenti per il suo tributo, ricambiati fra l'altro. Per questo e per la smania di eccellere e di acquisire favore, Coriolanus farà di tutto per portare Lucy Gray alla vittoria, anche azioni non consentite dal regolamento. Dove porterà tutto questo?

Dunque, diciamo che cominciare a leggere un romanzo sapendo che il protagonista è un uomo crudele, senza scrupoli ed infido (almeno in futuro) non è proprio il massimo. Infatti, inizialmente non riuscivo ad entrare in sintonia con il libro. Poi ho cercato di prendere la cosa da un altro lato; non sempre si possono amare i personaggi (per dire la verità non è che mi piaccia tantissimo nemmeno Lucy Gray) ma possiamo sfruttare l'occasione per capire la genesi dei romanzi successivi. 
In questo modo ho intuito che forse era proprio questo l'intento della Collins, farci capire i fatti alla base della nascita degli Hunger Games e la loro trasformazione nel tempo. 
Si tratta di un romanzo molto diverso dai precedenti che erano molto basati sull'azione; questo prequel invece si presenta più come un romanzo di analisi e riflessione. La narrazione è divisa in tre parti: prima dei Giochi, durante lo svolgimento dei Giochi e dopo la conclusione dei Giochi, temporalmente parliamo di circa 3 mesi di tempo ... un po' pochino per trasformare un ragazzo in un supercattivo... ma questo è solo un mio parere.
 Inizialmente infatti non è possibile dare giudizi morali su Coriolanus e, sinceramente, non siamo in grado di farlo fino alla conclusione del romanzo; non è ne buono ne cattivo, è un adolescente normalissimo, estremamente ambizioso quello sì, ma con le sue luci e le sue ombre come tutti. 
Forse dipende dal fatto che il racconto procede dal punto di vista di Snow (un narciso veramente interessato solo a se stesso e pochissimo agli altri), ma ho trovato che, a parte il suo, tutti gli altri personaggi sono molto piatti. La stessa figura di Lucy Gray non viene approfondita; di lei sappiamo che canta, che è un'artista, come tutta la sua famiglia, che ha avuto un precedente amore, Billy, e vive in povertà come ogni abitante del Distretto 12. Cosa veramente passi nella mente della ragazza non possiamo saperlo.
Stessa cosa per Seianus, quasi la nemesi di Snow, che pure è un personaggio importante. Eppure quello che sappiamo di lui proviene tutto dalle prime pagine del romanzo: originario dei distretti approda a Capitol City grazie ai soldi del padre, buono d'animo non può dimenticare le sue origini quindi non può essere d'accordo con la funzione attribuita agli Hunger Games. Ciò lo porta a ribellarsi, ma in maniera scomposta, senza ottenere nulla e senza nemmeno imparare dai proprio errori; un'anima candida destinata al disastro. E dire che il suo rapporto d'amicizia con Coriolanus è fondamentale per la trasformazione di quest'ultimo.
La parte invece molto apprezzabile del libro è la possibilità di vedere le cose con gli occhi degli abitanti di Capitol City, che invece nella Trilogia appaiono come ricconi vanesi e senza etica. Per la prima volta sentiamo parlare della guerra causata dalla ribellione dei distretti, del dolore e delle privazioni subiti dalla capitale. Privazioni che hanno segnato profondamente il nostro protagonista, tanto da renderlo fermamente deciso a non trovarsi mai più in condizioni d'indigenza, a qualsiasi costo.
Col procedere della lettura capiamo, e lo facciamo insieme a Coriolanus, da dove nasce la paura che Capitol City nutre nei confronti dei distretti, come i distretti vedono realmente Capitol City e come dei Giochi in realtà non interessi molto a nessuno. Deus ex machina è la professoressa Gaul, scienziata psicopatica, cultrice dei Giochi e capo Stratega, donna crudele e vendicativa che vede in Snow delle potenzialità e trama per farne un proprio discepolo. Lo fa rinfocolando in lui l'odio per i distretti, mostrandogli la legittimità del tradimento, la necessità della punizione; nei suoi sogni Capitol City deve regnare su Panem con pugno di ferro perché solo attraverso regole rigidissime si può salvare il Paese dal caos della guerra civile. Secondo la Gaul è vero l'hobbesiano "homo homini lupus" e le leggi e le severe punizioni sono le uniche vie per regolare la convivenza. 
Gli Hunger Games dovrebbero essere una punizione esemplare per i distretti, ma nella pratica sono un flop, un inutile massacro di giovani vite fine a se stesso. Infatti nei distretti i Giochi non sono temuti (se non nel momento della Mietitura) e non sono seguiti un po' per disinteresse puro e semplice, un po' perché si è troppo impegnati a sopravvivere, un po' perché non ci sono i mezzi tecnologici per seguire lo show. C'è bisogno di un cambiamento nel format (se vogliamo chiamarlo così) quindi la Gaul coinvolge Coriolanus e gli altri studenti in progetti e proposte che volgano ad un rinnovamento degli Giochi: ecco quindi l'introduzione delle scommesse e degli sponsor per procurare cibo ai tributi (tutte idee di Snow volte a favorire la vittoria di Lucy Gray). Da qui parte quindi la genesi dei futuri Hunger Games a cui parteciperà Katniss Everdeen. 
Nella terza parte del libro, ambientata nel Distretto 12, i rimandi ai libri precedenti si sprecano (primo fra tutti la stessa parola "katniss", inventata da Lucy Gray come nome per una pianta di cui si nutre), tanto da portarci a sospettare che esista un legame fra Lucy Gray e Katniss... Forse quindi così si spiega il mancato approfondimento di questo personaggio: che ci sia qualcosa che ancora bolle in pentola? Che ci sia ancora una storia da raccontare ma, questa volta, dal punto di vista di Lucy Gray? Chissà se la Collins avrà ancora qualche sorpresa per noi!
Per concludere direi che ho trovato la fine un po' frettolosa; tutti sappiamo che Snow diventerà un tiranno da manuale, quindi c'è poco da sperare che l'amore trionfi, ma nel giro di pochi minuti Coriolanus passa dall'amore all'odio; la fame di potere e gloria lo porta a voltare le spalle a ciò che fino a pochi momenti prima considerava il proprio destino... Il suo personaggio, che barcollava sul filo del rasoio fra normalità e cattiveria, improvvisamente getta la maschera, anche con se stesso, e abbraccia il male, totalmente. Da lì in poi nessun atto gli sembrerà mai troppo riprovevole, nessun assassinio troppo spietato, nessuna menzogna troppo crudele. Il suo motto sarà "mai più farsi indebolire dall'amore" ed il ricordo di Lucy Gray, sparita nel nulla, diverrà un eterno monito all'inutilità dell'amore e dei sentimenti.
Mi è sembrato tutto un po' troppo repentino.

Nel complesso, dopo un inizio difficoltoso e non troppo coinvolgente, il libro mi è piaciuto anche se non mi sento di dargli più di tre fiorellini. Chiaramente lo consiglio solo ai fan della serie.




GIUDIZIO PERSONALE: ❀❀❀

Altri suggerimenti di lettura li trovate sul blog di Paola ideatrice del Venerdì del Libro,

venerdì 14 maggio 2021

VdL - Il gioco bugiardo, Ruth Ware

 Si tratta di un libro che ho acquistato da poco e che mi ha incuriosito per la sinossi. Non posso dire che mi abbia delusa, però ha suscitato in me sentimenti contrastanti. Vediamo un po' di cosa tratta.

Isa è mamma da sei mesi della piccola Freya ed è completamente presa dal suo nuovo ruolo di mamma e di compagna. Un un giorno riceve un breve messaggio, "Ho bisogno di voi". A spedirlo è Kate, ex-compagna di collegio e amica per la vita; Kate le sta richiamando, lei, Fatima e Thea (le quattro amiche di un tempo) e le sta richiamando a Salten, dove Kate vive da sempre e dove tutte hanno frequentato un collegio privato. Facendo un salto nel passato sapremo che le ragazze si sono conosciute il primo giorno di scuola, sono diventate amiche, quasi sorelle, ed hanno cominciato a frequentare la casa di Kate, dove vivevano anche il padre Ambrose, insegnante d'arte al collegio, e Luc il fratellastro francese di Kate. In quegli anni di giovinezza le quattro amiche vivono una vita libera e selvaggia, infrangono le regole del collegio con noncuranza, fumano, bevono e inventano un gioco, il gioco delle bugie. Un evento drammatico le imprigionerà per sempre in quel gioco, costringendole a mentire per il resto della vita. Ma ora qualcosa è venuto a galla, una vita di menzogne sta per essere scoperta e forse una di loro, da sempre, mente anche a tutte le altre.

Devo dire che nel complesso è un libro ipnotico, non riuscivo a staccarmi, dovevo sapere, sapere, sapere. Il che tutto sommato è quasi inspiegabile perché la storia non è ne' originalissima ne' particolarmente realistica. Inoltre ero affascinata dalla storia tanto quanto ero disturbata dai personaggi, specialmente da Isa che trovo insulsa oltre ogni dire. Incapace di affrancarsi dal passato, incapace di assumersi le proprie responsabilità, incapace di gestire una bambina piccola (ma qui la scuso perchè non è facile), incapace di confessare almeno a se stessa se ama o non ama il proprio compagno. Condannata a vivere nella nostalgia del passato ed, al contempo, terrorizzata da quello stesso passato. Così succube dei esso, del legame con Kate, da rischiare di giocarsi il presente (la famiglia ed il lavoro) per proteggere un'amica dei tempi del collegio ... insomma una donna prima di giocarsi figlia e compagno a forza di menzogne magari un po' ci pensa...

Di contro devo dire che l'atmosfera è descritta molto bene. Sembra di trovarsi lì, nella casa-mulino di Kate e di viaggiare con le protagoniste nei ricordi della giovinezza. Sì, questa parte è molto bella e scritta con bravura.

Nel complesso è un libro che mi sento di consigliare, magari da leggere al sole in relax.

GIUDIZIO PERSONALE: ❀❀❀

Altri suggerimenti di lettura li trovate oggi sul blog Homemademamma.

venerdì 7 maggio 2021

VdL - La ragazza della luna, Lucinda Riley

 Ennesimo capitolo della saga delle "Sette sorelle". Ammetto che questo libro, finora, è stato quello che mi ha preso meno. 

Tiggy, fra le sorelle D'Aplièse, è l'amante della natura e degli animali; la vediamo approdare alla tenuta di Kinnaird, in Scozia, con lo scopo di reintrodurre in natura alcuni esemplari di gatto salvatico. Qui conosce molte persone che le cambieranno la vita: Charlie, il medico proprietario di cui s'invaghisce, la sua giovane e sensibile figlia Zara e soprattutto il vecchio gitano Chilly che la guiderà verso il suo passato e la porterà a casa come, in passato, era stato predetto...

Tutto molto ben scritto, bei personaggi, soprattutto quelli del passato ispirati a persone veramente esistite. Però anche tutto un po' già visto ... insomma alla fine è la storia delle sorelle precedenti: la protagonista approda ad una nuova realtà che le permetterà di conoscere le sue origini ed alla fine le regalerà anche l'amore. Bello sì, ma al quinto libro diventa un po' trito e ritrito. 

Fra l'altro Tiggy, nonostante la sua dolcezza, è la sorella che mi prende di meno: la trovo un personaggio con poco sugo, anche la sua ricerca delle origini non è così sentita come nei libri precedenti. Non voglio giudicare la Riley perché io non sono nessuno e lei è un'autrice mondiale, però sembra quasi che l'abbia scritto con poca ispirazione...

Nonostante ciò tengo duro perché ormai mancano solo 2 libri e io DEVO sapere la verità su Pà Salt! Ora mi manca "La ragazza del sole" dove la protagonista è Electra, decisamente la più antipatica (a pelle) delle sorelle: spero che mi sorprenda, di bello almeno c'è che ci porterà in Africa. Vedremo.

GIUDIZIO PERSONALE: ❀❀❀

Altri suggerimenti di lettura li trovate sul blog di Paola ideatrice del Venerdì del Libro.